RIVESTIMENTI IN RESINA

Resina epossidica: quale scegliere in base al lavoro da realizzare

RESINA EPOSSIDICA

La resina epossidica è un composto derivato dal petrolio che unita al suo catalizzatore forma delle superfici molto resistenti.

Si presenta in due confezioni: Resina (composto A) Indurente (composto B). Tra le resine epossidiche esistono delle differenze: per tempi di catalizzazione, per capacità di essere colate a spessori più alti, per resistenza ai raggi uv.

E’ importante conoscere le differenze per acquistare la resina più adatta ai nostri lavori.

COLATE CON  PICCOLI SPESSORI MASSIMO 3 CM

Rivestire il piano di un tavolo, un pannello decorativo e per creare elementi di bigiotteria  è sufficiente una resina con tempi di catalizzazione veloci perchè il rischio che possa surriscaldare durante la catalizzazione è inesistente.

Tra queste tipologie di resina esistono comunque delle differenze nei tempi di catalizzazione, alcune catalizzano in 12 ore altre in 24.

Personalmente utilizzo la prima quando non ho realizzato vasche contenitive resistenti ma solo nastro di carta. Una resina con tempi veloci di catalizzazione mi crea meno problemi perchè tende a non espandersi troppo.

Una resina che catalizza più lentamente non favorisce comparsa di bolle e necessita di contenimenti come stampi in silicone e vasche.

COLATE CON ALTI SPESSORI

I bellissimi tavoli che si vedono con inclusioni di legno, sgabelli di altezze di circa 40 cm e oltre, rami o oggetti molto grandi inclusi in una colata di resina, sono molto scenici ma sappiate che non si possono realizzare con tutte le resine che trovate in commercio.

Per fare colate così importanti occorre una resina con tempi di catalizzazione lunghissimi si parla anche di quattro/cinque giorni. Questo anche per evitare il surriscaldamento della stessa e un ulteriore formazione di bolle all’interno della colata.

RESISTENZA AI RAGGI UV

Nelle confezioni il catalizzatore il più delle volte ha un colorito giallastro più o meno deciso in base anche alla sua composizione. In altre è completamente trasparente.

La trasparenza del catalizzatore incide molto sul prezzo e sul risultato finale dei lavori. Se si vuole ottenere un inclusione molto trasperente effetto acqua acquistare una resina di questo tipo è fondamentale spendendo quindi qualcosa in più.

Se invece la resina deve essere colorata si può optare nella scelta per quella più giallastra tenendo presente che il giallo del catalizzatore potrebbe alterare il colore scelto.

Consiglio finale è che se volete giocare con la resina chiedete al vostro rivenditore e comunicate quello che volete realizzare sarà importante per un buon risultato.

Per avere consigli e informazioni dettagliate mi potete scrivere sarò felice di rispondere alle vostre domande.

.

 

 

 

Potrebbero piacerti anche

2 Commenti

  • Reply
    Giulia Ravazzolo
    13 Maggio 2020 at 9:17

    Salve Maria Luisa,
    siamo una carpenteria che produce complementi d’arredo il nome dell’azienda è CR-Design S.r.l. .
    Vogliamo realizzare dei piani di tavoli o sedute di sedie in resina .
    Potrebbe consigliarci che resina acquistare e come lavorarla colorata e che colori acquistare?
    Grazie

    • Reply
      maria luisa leoni
      13 Maggio 2020 at 9:57

      Buongiorno posso consigliare quello che io stessa utilizzo: GObbetto, resin pro, sivar . Per i dettagli ci possiamo sentire per capire cosa deve realizzare e consigliarla al meglio. Esistono varie tipologie di resina. Lieta di poterla aiutare

    Lascia un messaggio